Noleggio generatori di aria Calda a Verona, Padova e Treviso

Noleggio generatori di aria calda a Verona, Vicenza e Veneto

Nelle città e provincie di Verona, Vicenza, Padova, Treviso e in tutto il Veneto la nostra ditta Edildestro offre a imprese edili, artigiani e professionisti il noleggio personalizzato di generatori di aria calda per cantieri, ambienti di lavoro e capannoni industriali. I generatori di aria calda rappresentano la soluzione ideale per il riscaldamento di spazi medio-grandi: facili da posizionare, necessitano di una semplice presa della corrente per erogare aria calda tutto il giorno o tutta la notte. Questa prerogativa è importantissima anche quando si tratta di asciugare pavimentazioni, massetti e superfici in generale, perché permette di operare senza stop e senza allungare i tempi di cantiere, aumentando i costi relativi. La scelta di noleggiare i generatori senza doverli acquistare si dimostra vincente per tutti coloro i quali non vogliono impegnarsi con attrezzature che poi richiedono interventi di manutenzione e luoghi idonei per il deposito. Ma vediamo meglio come funzionano i generatori di aria calda e quali tipologie noleggiare per il proprio cantiere o capannone.

GENERATORI DI ARIA CALDA: FUNZIONAMENTO E CARATTERISTICHE

Il principio del generatore di aria calda è lo stesso della stufa elettrica per le abitazioni, ma con alcuni importanti distinguo. A cambiare è innanzitutto l’alimentazione. Mentre in casa si usano per lo più stufe alimentate con la normale presa a 220 volt (in particolare per risaldare il bagno), in cantiere vengono impiegate tecnologie di riscaldamento differenti, che spaziano da quella elettrica al gasolio. I generatori di aria calda che troviamo in commercio includono:

  • Generatori elettrici → alimentati con la sola corrente elettrica, questi generatori forniscono calore istantaneo soffiando fuori aria riscaldata con potenza regolabile a piacere. Dotati di buone performance energetiche, sono valide alternative laddove non è possibile – per motivi di sicurezza o per altre ragioni – bruciare gasolio o GPL.
  • Generatori a gasolio → sono generatori per aspetto e dimensioni identici ai generatori elettrici, con le stesse modalità di erogazione di aria calda ma con l’impiego di gasolio come carburante. Attenzione perché occorre comunque una presa di corrente per alimentare la macchina durante il funzionamento.
  • Generatori a GPL → come per le versioni a gasolio, così per i generatori a GPL le dimensioni e l’aspetto sono quelli di un cannone, o in alcuni modelli più grandi di un box, il carburante è però il gas di petrolio liquefatto, ovvero appunto il GPL. Attenzione perché occorre comunque una presa di corrente per alimentare la macchina durante il funzionamento.
  • Generatori a infrarossi → questo tipo di generatore nasce per assicurare un calore localizzato nelle situazione in cui non è possibile spostare aria e sollevare polveri nell’ambiente. Alimentati o a con la sola energia elettrica o con GPL/gasolio + elettrico, questi generatori sprigionano un fascio di calore a infrarossi senza muovere un pulviscolo, fattore questo fondamentale in molteplici contesti.

I GENERATORI A BATTERIA DOVE NON C’E’ CORRENTE

Alcuni artigiani hanno bisogno di generatori di aria calda per scaldare piccoli spazi, senza la possibilità di allacciarsi alla corrente. In questi casi consigliamo di provare i generatori a batteria, non così potenti come i generatori normali ma sufficienti per ottenere un calore omogeneo e lavorare nel comfort. Da notare come anche questi generatori utilizzino nella quasi totalità dei casi o il GPL o il metano, per cui la batteria serve per alimentare soltanto la ventola che spinge l’aria calda all’esterno e previene il surriscaldamento dell’apparecchio, oltre che in fase di accensione. Il generatore andrà quindi collegato alla sua bombola esterna e trasportato nel punto giusto. La durata effettiva della batteria dipende chiaramente da svariati fattori, come la temperatura del locale, la potenza selezionata, ecc. Resta in ogni caso un apparecchio consigliato per scaldare piccoli ambienti per poche ore consecutive.

COME SPOSTARE E INSTALLARE UN GENERATORE DI CALORE

Spostare generatore di aria calda I generatori più grandi possono arrivare a pesare anche 100 kg. Spostarli di peso sarebbe impensabile, motivo per cui i modelli più ingombranti sono dotati di una coppia di ruote alla base, che permette, una volta inclinati, la spinta o il trascinamento. E in un immobile in cui ci sono le scale? O dove l’ascensore è inagibile? Per diffondere l’aria calda ai piani alti senza per questo spaccarsi la schiena, è sufficiente applicare al bocchettone di mandata un apposito tubo cosiddetto a una via di canalizzazione. Questo tubo porterà l’aria a una temperatura di poco inferiore anche a diversi metri dal generatore.

Se però bisogna superare una certa distanza, allora è bene valutare l’opportunità di spostare il generatore e portarlo dove occorre, sfruttando ad esempio il noleggio di piattaforme aeree. L’installazione, come già accennato, non prevede alcuna attività speciale: si collega la presa di corrente del generatore di aria calda a un generatore di corrente (o alla presa a muro) e si accende il macchinario. Nei soli modelli a batteria questo passaggio non sussiste. Da considerare l’alimentazione, perché nei modelli a gasolio o a GPL occorre calcolare anche i consumi e quindi la ricarica di carburante.

PREZZI DI ACQUISTO DEI GENERATORI DI ARIA CALDA

Acquistare un generatore di aria calda potrebbe rivelarsi un investimento difficile da recuperare, soprattutto per i modelli più costosi. Il riscaldatore a infrarossi Diesel XL 9SR, ad esempio, ha un prezzo di listino che sfiora i 2.000 euro IVA inclusa, mentre il generatore di aria calda jumbo 85M arriva a costare più di 3.000 euro IVA inclusa. Tanti, per una piccola impresa o un artigiano che ha esigenze e budget limitati. Ma questo può valere anche per ditte più strutturate, nel momento in cui il riscaldamento del cantiere dovesse richiedere tre, quattro, cinque o più generatori di aria calda. La spesa andrebbe moltiplicata, con il rischio di superare abbondantemente il guadagno derivante dal lavoro. Come fare quindi a riscaldare un ambiente o asciugare un pavimento senza per questo indebitarsi o pesare sulle proprie casse? La risposta è semplicissima e si chiama noleggio di generatori di aria calda. Vediamo in cosa consiste.

IL NOLEGGIO A VERONA, VICENZA, TREVISO E VENETO

attrezzature edili verona vicenza venetoIn Edildestro abbiamo maturato una lunga esperienza nel settore del noleggio di attrezzature edili, dai ponteggi agli ascensori da cantiere, dai parapetti agli autocarri e alle macchine da intonaco. Negli ultimi anni sempre più clienti ci domandavano se fosse possibile noleggiare anche generatori di aria calda, un trend in crescita dettato anche dalle migliori performance dei generatori stessi. Così ci siamo attrezzati, e abbiamo deciso di investire tempo, risorse ed energie nella selezione e acquisto di generatori di aria all’altezza delle aspettative. Questi ultimi vengono proposti a noleggio nelle province di Verona, Padova, Trieste e più in generale in tutto il Veneto. Le tariffe sono flessibili e modulate in base al tipo di collaborazione e fornitura da attuare. Da parte nostra cerchiamo di accontentare tutti, dai piccioli artigiani alle imprese edili di maggiore calibro.

Per formulare un preventivo è sufficiente contattarci di persona compilando il form dedicato o chiamando il numero di telefono 045 7640818 della nostra sede operativa in via nazionale, 2 a Soave, provincia di Verona. I nostri tecnici sono a disposizione per calcolare il prezzo di noleggio alle migliori condizioni, riservando sconti significativi per noleggi combinati o di lunga durata. Nella categoria noleggio e vendita puoi trovare l’elenco completo dei nostri servizi a noleggio e in vendita, come il noleggio di ponteggi, il noleggio di macchine edili, il noleggio di piattaforme aeree o ancora l’installazione di linee vita. Approfitta della nostra esperienza e risparmia sull’uso di generatori di aria calda per la tua attività e il tuo business!

More from our blog: